SUPER AMMORTAMENTO

La Legge di Stabilità 2016 (art. 1, cc. 91-94 e 97) ha introdotto un incentivo per imprese e professionisti riferito all’acquisto o alla costruzione di beni strumentali nuovi, comprese le autovetture, utilizzati per l’attività aziendale o di lavoro autonomo. Il beneficio interessa sia i beni strumentali acquistati in proprietà, sia quelli acquisiti in leasing finanziario.
Non si ha diritto al beneficio in caso di acquisizione in noleggio, affitto o locazione operativa.


IN COSA CONSISTE L’AGEVOLAZIONE?
Il bonus consiste nell’ammortamento di un maggior costo (o canone di leasing) dei beni materiali strumentali nuovi, imputando al periodo d’imposta quote di ammortamento più elevate rispetto a quelle ordinarie, che si traducono in una riduzione delle imposte sul reddito e dell’IRAP (ove dovuta).


SOGGETTI BENEFICIARI E PERIODO AGEVOLATO D’ACQUISTO
L’agevolazione si applica ai soggetti titolari di reddito d’impresa (anche in forma societaria) e agli esercenti arti e professioni che eseguono investimenti in beni materiali strumentali nuovi nel periodo compreso dal 15/10/15 al 31/12/16.
L’investimento dev’essere realizzato in detto periodo, ma l’agevolazione prosegue fino al completamento del processo di ammortamento ovvero del contratto di locazione finanziaria e, in quest’ultimo caso, si estende anche al prezzo per il riscatto del bene.
Il bonus non compete ai soggetti in regime c.d. forfetario, posto che non deducono alcun costo, mentre compete ai soggetti c.d. minimi, i quali deducono i beni strumentali al momento del loro pagamento per l’intero importo, senza ammortizzarli.

COME OPERA L’AGEVOLAZIONE
L’agevolazione si applica con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria:

  • il costo di acquisizione è maggiorato del 40% (ad esempio, un cespite acquistato per € 10.000, oltre IVA, rileva ai fini del calcolo degli ammortamenti e dei canoni di leasing per € 14.000);
  • per le autovetture, sono maggiorati del 40% i limiti rilevanti per la deduzione delle quote di ammortamento e dei canoni di locazione finanziaria: ad esempio, il limite per le autovetture aziendali di € 18.075,99 diventa di € 25.306,39 (+ 40%); per agenti e rappresentanti di commercio il limite di € 25.822,84 diviene di € 36.151,98 (+ 40%), fatti salvi i limiti di deducibilità dell’ammortamento delle autovetture (che rimangono del 20% per le imprese e professionisti e dell’80% per agenti e rappresentanti di commercio).


BENI NON AGEVOLABILI
La maggiorazione sul costo di acquisizione non si applica:

  • agli investimenti in beni materiali strumentali per i quali il D.M. 31/12/88, stabilisce coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%;
  • agli investimenti in fabbricati e costruzioni;

Testo realizzato in collaborazione con Dott. Fabio CAZZARO e Dott. Giorgio SAELI
Dottori Commercialisti – Revisori Legali
Email: fabio.cazzaro@tin.it
Email: giorgio@saeli.it
Via Cappuccina, 11/A – 30172 Mestre (VE)